Salta al contenuto principale
Zerstörtes Berlin 1945
Zerstörtes Berlin 1945 © © Trinity Mirror / Mirrorpix / Alamy Stock Photo

La fine della guerra a Berlino

Luoghi storici autentici in cui rivivere la storia

Berlino, 8 maggio 1945, giorno della liberazione. La città è ridotta in macerie. Un terzo degli appartamenti e delle strade è andato distrutto. La guerra è finita, ma ha lasciato segni ovunque.

La tua app per la fine della guerra a Berlino

  • Ora disponibile gratuitamente per iPhone e Android
  • Per saperne di più sui siti storici e sui monumenti commemorativi di Berlino. Ascoltate come i testimoni contemporanei hanno vissuto la fine della Seconda Guerra Mondiale. Per saperne di più su quel periodo, la resa incondizionata dell'8 maggio e gli anni del dopoguerra.

 

Jetzt im App Store laden: Download ABOUT BERLIN Jetzt im Google Play Store laden: Download ABOUT BERLIN

 

Preview
Contenuto editoriale suggerito

Contenuto editoriale suggerito

Acconsento a visualizzare contenuti caricati da Youtube. Per maggiori informazioni si rimanda alla nostra informativa sulla Privacy.

Fare clic su "Carica contenuto" per caricare una sola volta il contenuto esterno. Per caricare automaticamente tutti i contenuti caricati da YouTube per i prossimi 14 giorni, clicca su "Carica automaticamente i contenuti per 14 giorni"; in questo caso verrà impostato un apposito cookie.

La Berlino distrutta

Nessuna città è stata segnata dal passato come Berlino. Anche se quelle che un tempo erano lande desolate sono state edificate e le macerie sono scomparse, la storia movimentata della capitale è ancora ben visibile nel paesaggio urbano.

Zerstörtes Berlin 1945 - Sichtachse vom Brandenburger Tor
Zerstörtes Berlin 1945 - Sichtachse vom Brandenburger Tor © © Photo 12 / Alamy Stock Photo

Chi attraversa Berlino guardandosi intorno con attenzione non potrà fare a meno di notare crepe, crateri e piccoli fori rotondi su muri e facciate: si tratta effettivamente di fori di proiettile della Seconda guerra mondiale, che, come sulla Vecchia Zecca (foto sotto, Alte Münze), testimoniano anche schegge di granata.

Einschußlöcher Alte Münze
© visitBerlin, Foto: Jan Frontzek

In molti luoghi, come ad esempio sulla facciata del Museo di storia naturale, i segni della guerra sono stati volutamente preservati come testimonianza e monito. Anche sulla Colonna della Vittoria, sugli archi sotto la stazione della S-Bahn Friedrichstraße e vicino ad Alexanderplatz, sulle colonne del Pergamon Museum e del Bode Museum, e sul rinforzo dell’argine intorno all'Isola dei musei potrete notare dei fori di proiettile.

La torre in rovina, un ricordo di pace

Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche
© GettyImages, Bild: philipp_eder

I segni della battaglia per Berlino sono inconfondibili sulle statue del Gropius-Bau, sull'edificio della Fondazione Nuova Sinagoga di Berlino e sul campanile della Kaiser-Wilhelm-Gedächtniskirche (Chiesa commemorativa dell'Imperatore Guglielmo), probabilmente il monumento commemorativo più importante di Berlino. A seguito di un dibattito pubblico il campanile della chiesa, gravemente danneggiato dalle bombe, è stato preservato nello stato di rovina e successivamente integrato con un nuovo edificio dell'architetto Egon Eiermann.

Al suo interno si può ammirare anche la Madonna di Stalingrado: questo disegno a carboncino, opera del medico dell'ospedale militare Kurt Reuber, uscì dalla sacca a bordo dell’ultimo aereo da trasporto durante la battaglia di Stalingrado. Nel 1983 la famiglia del medico consegnò il quadro alla chiesa commemorativa in memoria delle vittime del conflitto. La croce di Coventry è un altro oggetto d'arte esposto nella chiesa come monito di pace.

Iscrizioni di soldati russi nel Reichstag

Inschriften im Reichstagsgebäude
© © VPC Photo / Alamy Stock Photo

All’interno del Reichstag, dietro una vetrata protettiva, si trovano le scritte e le firme dei soldati russi che tra il maggio 1945 e il 1950 vollero lasciare un segno sulle pareti dell'edificio preso d'assalto dall’Armata Rossa.

La resa a Karlshorst

Unterzeichnung der Kapitulationsbedingungen 1945
Unterzeichnung der Kapitulationsbedingungen 1945 © © Photo 12 / Alamy Stock Photo

Il 7 maggio il colonnello generale Alfred Jodl sottoscrisse la resa incondizionata della Wehrmacht presso il quartier generale degli Alleati a Reims. Nella notte tra l'8 e il 9 maggio 1945 Wilhelm Keitel, capo del comando supremo della Wehrmacht, firmò la resa con la parte sovietica a Berlino-Karlshorst.

Museo tedesco-russo Berlino-Karlshorst

Kapitulationssaal im Deutsch-Russisches Museum Berlin-Karlshorst
Kapitulationssaal im Deutsch-Russisches Museum Berlin-Karlshorst © Museum Berlin-Karlshorst, Foto Thomas Bruns

È ancora possibile visitare la sala della resa, in quella che un tempo era la mensa per ufficiali della scuola per pionieri della Wehrmacht. Dal 1945 al 1949 fu questa la sede dell'amministrazione militare sovietica in Germania. Nel 1967 l'edificio è diventato un monumento storico. Numerosi oggetti originali di uso quotidiano, militaria, manifesti propagandistici e lettere di guerra permettono di conoscere più da vicino la vita quotidiana di soldati e civili di entrambe le parti nel Museo tedesco-russo Berlino-Karlshorst.

Monumenti commemorativi e luoghi storici a Berlino    

A Berlino riaffiorano tanti ricordi. Ricordi che non devono essere dimenticati, documentati anche in numerosi siti commemorativi e luoghi storici autentici, come la Topografia del Terrore o l'ex quartier generale della Gestapo e delle SS. La Casa della Conferenza di Wannsee, dove i principali funzionari dell'apparato governativo nazista e delle SS hanno discusso la pianificazione di quella che chiamarono la "soluzione finale della questione ebraica", è ora un museo e un istituto di istruzione.

Topographie des Terrors
Topographie des Terrors Außenausstellung © Stiftung Topographie des Terrors, Foto: Stefan Müller

Il campo di concentramento di Sachsenhausen si considera un luogo di apprendimento pubblico. I siti originali dell'epoca, le baracche, le celle, la sede amministrativa e diverse mostre permanenti vi permettono di toccare la storia con mano.

Gedenkstaette und Museum Sachsenhausen
Eingang Gedenkstätte Sachsenhausen © Gedenkstätte und Museum Sachsenhausen, Foto: Lars Wendt

Un altro luogo determinante per la storia mondiale nel 1945 fu Potsdam. Stalin alloggiava qui, in una villa sul Griebnitzsee, durante la conferenza di Potsdam nell'estate del 1945. Al Palazzo Cecilienhof i tre principali alleati discussero la riorganizzazione dell'Europa e il destino della Germania e della futura capitale divisa.

Potsdam, Neuer Garten, Schloss Cecilienhof, Vestibül (Konferenzraum), Raum 4.
Potsdam, Neuer Garten, Schloss Cecilienhof, Vestibül (Konferenzraum) © Stiftung Preußische Schlösser und Gärten Berlin-Brandenburg

Per saperne di più sulla storia di Berlino

Visitate il Museo degli Alleati a Dahlem per saperne di più sull'ex settore americano nel dopoguerra. Oltre a documenti originali e filmati storici, potrete vedere anche l'ingresso di un tunnel di spionaggio angloamericano.

Sowjetisches Ehrenmal Treptow
Sowjetisches Ehrenmal Treptow © Tourismusverein Berlin Treptow-Köpenick e.V. (www.tkt-berlin.de)

Nel cimitero militare di Treptower Park riposano 7000 caduti sovietici. Il Memoriale sovietico all’interno dello stesso parco è un monumento impressionante, circondato da prati e alberi imponenti. Un luogo tranquillo, che invita a una pausa. La guerra è finita.

Altri posti contro l'oblio nella Berlino di oggi

Per saperne di più sui singoli capitoli della storia tedesca