Salta al contenuto principale
Biografiegang des Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit
Biografiegang des Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit © Dokumentationszentrum NS-Zwangsarbeit, Foto: Andreas Schölzel

Centro di di documentazione del lavoro forzato nazista

Luogo commemorativo presso l'ex campo di Schöneweide

Il centro di di documentazione del lavoro forzato nazista racconta lo sfruttamento dei lavoratori forzati in Germania. Il Centro è ospitato in un ex campo di lavoro nazista a Berlino.

Il centro di di documentazione del lavoro forzato nazista è l'esempio degli oltre 3.000 campi di lavoro forzato a Berlino. Entrando negli spazi espositivi, troverai iscrizioni sulle pareti, lettere e biografie che forniscono tutte le informazioni personali sulla vita dei prigionieri.  Dietro muri spessi senza intonaco, avrai la possibilità di conoscere la vita quotidiana delle persone detenute nel campo.

Tour della caserma

Durante l'epoca nazionalsocialista, fino a 11 milioni di persone furono imprigionate nei campi di lavoro del Terzo Reich.  Provenivano tutte le nazioni che si trovavano nel territorio occupato da Terzo Reich, comprese Polonia, Belgio, Francia, Unione Sovietica, ma anche da Italia e Cina.  Solo uno dei 3.000 campi nella zona di Berlino esiste ancora oggi, il "GBI-Lager 75/76", per fornire un'importante testimonianza del passato. Fu allestito alla fine del 1943 dall'ispettore generale GBI (Generalbauinspektor für die Reichshauptstadt), sotto la direzione di Albert Speers. La zona di 3,3 ettari è costituita da 13 baracche alloggio di pietra e da una caserma amministrativa disposta centralmente. Qui sono stati alloggiati oltre 400 lavoratori forzati italiani, tra cui internati militari, e lavoratori forzati civili provenienti da diverse nazioni. Nel 1945, negli ultimi mesi di guerra, due baracche servivano come ricovero per donne prigioniere dei campi di concentramento. Dovevano lavorare forzatamente per la fabbrica di batterie Pertrix

Fondato nel 2006, il centro di di documentazione del lavoro forzato nazista è situato presso il sito storico. Dal 2010 è possibile visitare la Baracca 13 con una guida. L'edificio è il meglio conservato di tutti. Ha un rifugio antiaereo intatto. Le iscrizioni incise ricordano il destino dei prigionieri di guerra italiani. Nella Baracca 2, il centro di di documentazione mostra la dura vita del lavoro forzato. Biografie e destini sono al centro dell'attenzione. Le fotografie e le testimonianze scritte danno un'idea delle condizioni di lavoro e di vita disumane, della discriminazione razziale, della paura e della repressione spietata, ma anche del desiderio di libertà e della volontà di sopravvivere. Ai prigionieri italiani è dedicata la mostra permanente "Tra tutte le sedie" nella Baracca 4. Tra gli oggetti esposti, il calendario tascabile del capitano italiano Mario Zipolini. Racconta del suo arresto in Francia.

Nel complesso, la mostra permanente propone sei aree tematiche che si possono percorrere in senso orario. Tre di audio-guide multimediali in sette lingue - tedesco, inglese, francese, olandese, spagnolo, italiano e russo - percorrono i diversi temi. Con la guida multimediale, è possibile esplorare la parte esterna del campo sino al fiume Sprea.

 

Cosa aspettarsi nel mondo del centro di di documentazione del lavoro forzato nazista

  • Baracca 13 con il suo rifugio antiaereo originale
  • Mostra sulla vita quotidiana del campo con fotografie e informazioni scritte nella Baracca 2
  • Iscrizioni di prigionieri di guerra italiani sulle pareti
  • Informazioni su come le grandi aziende tedesche hanno partecipato al programma di lavoro forzato, come i marchi di fabbrica di Lufthansa
  • Mappe multimediali con i percorsi di deportazione dei lavoratori forzati

Storia nel quartiere Schöneweide

Schöneweide si caratterizza per la movimentata storia dell'industria elettrica di Berlino. I padiglioni odierni di Rathenau, la proprietà su Wilhelminenhofstraße e il salone industriale di Schöneweide sono ancora una testimonianza impressionante della cultura industriale di Berlino. A soli 15 minuti a piedi dal Centro Documentazione c'è il Museo dell'Industria,  dove è possibile vedere strumenti storici, prevalentemente dall'era della produzione in RDT, tra cui tubi elettrici per televisori della fabbrica VEB e il primo forno a microonde fabbricato nella RDT.  I capannoni Rathenau in Oberschöneweide risalgono agli anni '20. Sono utilizzati come fabbrica di trasformatori ed interruttori a olio della AEG. Oggi sono di proprietà del musicista Bryan Adams e diventeranno un centro creativo. Già oggi sono presenti studi, gallerie e sale per eventi. I capannoni si raggiungono a piedi attraversando il fiume Sprea in 15 minuti.

I nostri suggerimenti per la visita

Arriva alla stazione di Berlino-Schöneweide, raggiungibile con le linee della S-Bahn S8, S9, S45, S46, S47 e S85. Anche il bus 165 ti porta direttamente di fronte al monumento (Britzer Straße). Ogni prima e terza domenica alle 15 si tiene una visita guidata gratuita. L'ingresso è gratuito. Gratuitamente è possibile caricare l'app della storia sullo smartphone.
Inoltre, sono organizzate visite guidate e laboratori per gruppi e scolaresche. Gli insegnanti possono prendere in prestito valigette con materiali di lavoro.

Orari di apertura

Martedì 10:00 – 18:00
Mercoledì 10:00 – 18:00
Giovedì 10:00 – 18:00
Venerdì 10:00 – 18:00
Sabato 10:00 – 18:00
Domenica 10:00 – 18:00