Salta al contenuto principale
Neue Wache (Nuova Guardia) Unter den Linden in Berlin
Neue Wache (Nuova Guardia) © iStock.com, Foto: chrisdorney

We keep you informed during the Corona crises:

 

About the current situation in Berlin

 

Guidelines in view of the corona epidemic in Germany

 

On our emergency page you will find all important information and updates on the current situation in Berlin. We have compiled the addresses and telephone numbers of embassies, consulates, train stations, airports and hospitals for you.

EMERGENCY SITE

Our Service Center can provide you with more information

+49 (0) 30 25 00 25

Neue Wache (Nuova Guardia)

Luogo della memoria

La Neue Wache (Nuova Guardia), dal 1993, è il monumento commemorativo centrale per le vittime della guerra e del dispotismo. L'edificio venne costruito tra il 1816 e il 1818 sul viale Unter den Linden, secondo i progetti di Karl Friedrich Schinkel, come monumento commemorativo per i caduti della guerra napoleonica. Dal 1818 e il 1918 fu sede della Guardia Reale. Nel 1931, Heinrich Tessenow vi realizzò un "Luogo di commemorazione per i caduti della guerra mondiale". Poco prima della fine della Seconda Guerra Mondiale, la Neue Wache venne fortemente danneggiata dai bombardamenti. Dal 1960, l'edificio restaurato della RDT ha assunto la funzione di "Monumento commemorativo per le vittime del Fascismo e del Militarismo", nella cui parte centrale ardeva una fiamma eterna. Nel 1969 vennero sepolte le spoglie mortali di un milite ignoto e di un ignoto prigioniero dei campi di concentramento, circondati da terra dei campi di battaglia della Seconda Guerra Mondiale e dai campi di concentramento. Fino al 1990, la Grande Guardia d'onore ha sfilato ogni mercoledì davanti al monumento commemorativo. Dopo la riunificazione, la Neue Wache divenne il "Monumento centrale di commemorazione della Repubblica Federale di Germania per le vittime della guerra e del dispotismo", Al centro della struttura è ospitata da allora la scultura ingrandita "La pietà" dell'artista Käthe Kollwitz.