Salta al contenuto principale
Vista di Potsdamer Platz
Kulturforum a Potsdamer Platz visitberlin, Foto: Wolfgang Scholvien

Kulturforum (complesso di edifici culturali)

Arte, musica e scienza

Tra Potsdamer Platz e il canale Landwehr si trova l'insieme artistico e culturale non solo architettonico.

Il Kulturforum guarda indietro ad una storia variegata di sviluppo e costruzione.

Alla fine degli anni '50, esistevano progetti per un asse culturale attraverso Berlino. Erano basati sulle idee dell'architetto Hans Scharoun, allora presidente dell'Accademia delle Arti. Il Muro non era ancora stato costruito, e l'asse doveva estendersi dall'Isola dei Musei a est fino al Palazzo di Charlottenburg a ovest.

L'area del Kulturforum di oggi si trova nel mezzo. Come risultato dei massicci interventi di pianificazione durante l'era nazionalsocialista e la distruzione della seconda guerra mondiale, le aree giacciono incolte. Un nuovo centro culturale per la fiorente Berlino del dopoguerra deve essere costruito su di esso.

In futuro, i visitatori potranno godere di arte, ascoltare musica e studiare scritti scientifici. L'impatto delle singole istituzioni deve essere rafforzato dalla loro concentrazione in un punto - questo è il piano.

Poi arriva la costruzione del Muro, e il Kulturforum, situato vicino al Muro, diventa un importante progetto di prestigio per l'Occidente. L'obiettivo è quello di sopravvivere nella competizione in corso con il regime della DDR. Ma anche per mandare un chiaro messaggio alla Germania occidentale. Il rimpatrio del patrimonio artistico e letterario trasferito nella Repubblica Federale procede tutt'altro che speditamente. La costruzione di edifici adeguati ha lo scopo di aumentare la pressione per restituirli a Berlino Ovest.

Tutto richiede tempo

Tre progetti di due architetti di fama internazionale segnano l'inizio negli anni '60 e '70. La Philharmonie di Hans Scharoun segna l'inizio della costruzione del Kulturforum. Celebra la sua apertura nel 1963. Il suo insolito tetto a forma di tenda e la sua facciata gialla contrastano con quella della Neue Nationalgalerie di Ludwig Mies van der Rohe, aperta cinque anni dopo, un'architettura in acciaio e vetro con un'ampia sala espositiva inondata di luce.

Neue Nationalgalerie
visitBerlin, Foto: mulinarius

La chiesa di San Matteo, che si trova sul sito dal XIX secolo, sembra essere caduta fuori dal tempo. La chiesa di San Matteo nel Forum Culturale di Berlino è un punto focale storico, uno spazio per l'arte contemporanea e un luogo religioso di tranquillità. Culturalmente, la Chiesa di San Matteo è uno degli attori importanti del Forum Culturale.

Il collaboratore di lunga data di Scharoun, Edgar Wisniewski, realizza la sala di musica da camera  e il Musical Instrument Museum secondo i suoi progetti. Il museo apre nel 1984, la sala di musica da camera nel 1987, per il 750° anniversario della città di Berlino.

Negli anni '70, la Biblioteca di Stato viene costruita dall'altra parte di Potsdamer Strasse secondo i progetti di Scharoun. Apre nel 1978, sei anni dopo la morte dell'architetto. Anche il vicino Istituto Iberoamericano è stato progettato da Scharoun.
La costruzione della Staatsbibliothek divora più denaro di quanto stimato inizialmente. Questo porta a un ritardo nell'inizio della costruzione delle altre case d'arte previste.

Architettura museale in transizione

Già nel 1965, Berlino Ovest aveva annunciato un concorso di architettura per la progettazione dell'intero Kulturforum. Le aspettative erano alte; il progetto più convincente doveva offrire niente meno che una "definizione strutturale di ciò che oggi chiamiamo museo".

Agli occhi della giuria, nessuno dei partecipanti al concorso ha raggiunto questo ambizioso obiettivo. Come compromesso, i responsabili accettarono di assegnare il contratto all'architetto di Stoccarda Rolf Gutbrod.
I suoi progetti risalgono a un'epoca in cui stanno emergendo domande sui compiti e sulla funzione dell'architettura museale. Qual è l'interrelazione tra i musei e le collezioni che ospitano? A quali gruppi target ci si dovrebbe rivolgere?

L'architetto vede i suoi progetti come un contrasto con gli edifici neoclassici e neobarocchi dell'Isola dei Musei. I suoi musei non hanno lo scopo di intimidire, ma di incoraggiare le persone di tutte le classi sociali a visitarli.
Nel 1985 apre il Museo delle Arti Decorative. Il concetto dell'edificio progettato 20 anni prima, con la sua facciata brutalista e le scale dominanti, è ormai superato. E non è ben accolto dal pubblico: Le critiche sono devastanti, quindi Gutbrod deve togliersi il cappello. Per il momento, rimane aperto quello che succederà al Kulturforum.

Gli architetti di Monaco Heinz Hilmer e Christoph Sattler sono incaricati di rivedere i progetti di Gutbrod per il Museo delle stampe e dei disegni e la Biblioteca d'arte. Hanno cambiato numerosi dettagli, per esempio, le previste colonne di cemento a vista nella sala espositiva sono state omesse.
L'edificio è stato inaugurato nel 1994 e oggi la sua facciata, rivestita in cemento e mattoni di clinker, è enfaticamente sobria.

Anche la pinacoteca è stata progettata da Hilmer e Sattler ed è stata inaugurata nel 1998. Nel loro progetto, hanno dovuto adattarsi perché la posizione e l'ingresso sono stati determinati da Gutbrod. Gli architetti rinunciano alle facciate rappresentative e si concentrano sulla qualità del design interno. Le sale di taglio classico con condizioni di luce perfette mostrano al meglio la preziosa collezione.

Sala della Gemäldegalerie di Berlino
Sala della Gemäldegalerie di Berlino SMB, Foto: David von Becker

Il futuro del forum culturale

Dopo sei anni di ristrutturazione, la Neue Nationalgalerie ha riaperto le sue porte nell'agosto 2021. La magnifica collezione di arte visiva del XX secolo si è trasferita di nuovo qui. Inoltre, ci sono nuove emozionanti mostre da vedere.

Accanto ad esso si sta costruendo un altro grande museo: il Museo del XX secolo.
Lo sviluppo dello spazio aperto tra la Philharmonie e la Nuova Galleria Nazionale è destinato a creare una relazione spaziale più forte tra tutti gli edifici.
Il progetto vincitore del concorso è dello studio di architettura svizzero Herzog & De Meuron. L'apertura è prevista per il 2026. Qui saranno esposti altri capolavori del XX secolo della collezione della National Gallery e 100 opere di Gerhard Richter.

Nel progetto "Utopia Kulturforum", i residenti del Kulturforum stanno lavorando insieme per esplorare il potenziale del Kulturforum con mostre decentralizzate, colloqui in città ed eventi artistici e per renderlo visibile al grande pubblico.

I nostri consigli per il Kulturforum

Potete trovare ancora più cultura nel Gropius Bau, che è raggiungibile a piedi. Molte gallerie si sono installate vicino all'edificio "Tagesspiegel" in Potsdamer Straße. Dai anche un'occhiata al futuro cantiere degli archivi del Bauhaus vicino a Lützowplatz.

Se ti interessa la storia, il Memoriale e sito informativo per le vittime degli omicidi nazionalsocialisti "Eutanasia", il Memoriale della Resistenza tedesca, la Topografia del Terrore, ma anche il Museo Tedesco delle Spie sono buoni posti da visitare. Il Kulturforum fa parte dello storico quartiere diplomatico, che si può esplorare con una passeggiata. 

Informazioni pratiche da visitBerlin

Il Kulturforum am Potsdamer Platz è collegato alle reti S-Bahn e U-Bahn. Le linee di autobus (M29, M48, 200) ti portano da lì a City West, al centro storico e ad Alexanderplatz. Per esplorare la città, raccomandiamo la Berlin Welcome Card per il trasporto pubblico. Può essere completato con il Museum Pass dei Musei Nazionali di Berlino. I bambini e i giovani fino a 18 anni hanno accesso gratuito a molti musei.

Orari di apertura (informazioni aggiuntive)