Salta al contenuto principale
Giro in bicicletta fino al ponte Glienicker alla periferia di Berlino
Ponte Glienicke a Berlino visitBerlin, Foto: Dagmar Schwelle

Il ponte di Glienicke

Dalla scena della guerra fredda a una meta di escursioni

Il ponte Glienicke attraversa il fiume Havel e collega il quartiere Wannsee di Berlino Ovest con Potsdam, la capitale del Brandeburgo. È passato nei libri di storia come una scena della guerra fredda, perché in diverse occasioni gli agenti del Patto di Varsavia catturati sono stati scambiati qui con spie occidentali esposte. Il "Ponte degli agenti" era chiuso ai civili in quel momento. Il film di Steven Spielberg del 2015 "Bridge of Spies - Il negoziatore" sulla storia dello scambio di agenti di Francis Gary Powers (USA) contro Rudolf Abel (URSS) nel 1962 è stato girato nel luogo originale.

Ville sul lago Wannsee

Oggi, il traffico è di nuovo vivace e la zona è popolare tra i visitatori giornalieri. Il vicino Palazzo Glienicke, nel parco paesaggistico omonimo, è patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 1990. I dintorni verdi erano ricercati come luogo di ville nel 19° e all'inizio del 20° secolo. Due edifici particolarmente interessanti sono la Villa Schöningen sul lato di Potsdam e la Villa Liebermann sul lato di Berlino. Il primo divenne un ospedale militare sovietico dopo la guerra, e ai tempi della RDT ospitava una casa per bambini. Nel 2009, la Villa Schöningen è stata riaperta dopo un'ampia ristrutturazione. Oggi mostra mostre d'arte mutevoli e offre una retrospettiva della storia di questo luogo tra Oriente e Occidente. Se da qui si segue il bel sentiero lungo le rive dell'Havel in direzione di Berlino, si arriva alla villa Liebermann dopo circa otto chilometri (il sentiero è un po' più corto sulla Königstraße). Il pittore berlinese Max Liebermann fu presidente dell'Accademia Prussiana delle Arti fino al 1933 e fu ostracizzato come ebreo dai nazisti. La villa Liebermann è ora un museo. Mostra una selezione di opere create qui e documenta la storia della famiglia.