Salta al contenuto principale
Schloss Glienicke mit Fontäne in Berlin
Schloss Glienicke mit Fontäne © SPSG, Foto: Hans Bach

Schloss Glienicke (Castello Glienicke)

Un sogno italiano

L'Italia piaceva tanto al giovane principe. Quando il ventunenne Carlo di Prussia nel 1823 tornò a Berlino dal suo primo lungo viaggio, aveva solo un sogno: voleva vivere in una villa italiana, con un panorama che ricorda i paesi del sud. E proprio qui, nel cuore della "märkische Streusandbüchse" (zona della Märkische Heide, con la sua sabbia sottile). La tenuta Glienicke faceva proprio al caso suo. L'architetto Karl Friedrich Schinkel, per volontà del principe, dal 1825 trasformò l'edificio originario in una residenza estiva: "antica", naturale, con ripartizioni chiare, equilibrata e proporzionata. Ovunque si trovano modelli italiani, come per esempio la grande fontana con i leoni dorati, che è stata costruita ispirandosi alla struttura nella Villa Medici a Roma. Anche il Parco Glienicke è creato con cura. è decorato con numerosi piccoli edifici, nei quali si nascondono dettagli giocosi. Nel Teepavillon (padiglione del tè) chiamato "Kleine Neugierde", per esempio, il principe fece portare antichi mosaici da Cartagine. E la terrazza del casinò, anche questo progettato da Schinkel, è costruito in modo tale da offrire una visione fantastica sul fiume Havel, il cosiddetto "Golfo di Potsdam". Da qui si può vedere anche il Ponte Glienicke, che attraversa il fiume Havel direttamente dietro al castello e che collega Berlino e Potsdam. Durante la Guerra Fredda, il ponte apparteneva per una metà a Berlino Ovest e per l'altra metà alla RDT. Divenne famoso a livello internazionale come luogo di scambio di spie.

Orari di apertura (informazioni aggiuntive)
Apr - Ott Mar - Dom 10.00 - 17.30h
Mar, Nov - Dic Sab, Dom* 10.00 - 16.00h
Gen - Feb   chiuso

*e festivi

Solo visite guidate / Ultimo ingresso 30 minuti prima dell'orario di chiusura

Qui troverete ulteriori informazioni