Salta al contenuto principale
Vista interna della sinagoga di Rykestraße
Vista interna della sinagoga di Rykestraße Bezirksamt Pankow

Sinagoga Rykestraße

Tempio della pace

La seconda più grande casa di culto ebraico in Europa, è sopravvissuta al nazismo e la seconda guerra mondiale e al decadimento del quartiere durante la RDT. La più grande sinagoga a Berlino, nel quartiere Kollwitzkiez, è sopravvissuta a testa alta alla storia.

La storia della sinagoga Rykestraße: un'altra sinagoga a Berlino

L'espansione della Comunità Ebraica di Berlino, all'inizio del XX secolo è ragione sufficiente per costruire un'altra grande sinagoga in città. L'architetto Johann Hoeniger progettò l'edificio in stile neo-romanico. Nel 1904 viene inaugurata dopo soli 10 mesi di lavori di costruzione. Oggi la sinagoga di Prenzlauer Berg offre ancora spazio 2.000 persone. Nell'edificio davanti alla sinagoga Rykestraße c'è anche una scuola. All'inizio si trattava di una scuola religiosa pura, nel 1922 venne creata una scuola elementare e un paio di anni più tardi, una scuola elementare privata della comunità ebraica. Il detentore del record mondiale Lilli Henoch insegna agli studenti nella sinagoga. Con l'avvento al potere dei nazisti nel 1933 cambia anche l'insegnamento e il principio guida della Jewish Association School. Da questo punto, v'è un interesse nel preparare gli studenti per Alija -l'emigrazione in Palestina, al fine di proteggerli dal regime fascista.

Dopo la "Reichspogromnacht"

Il sinagoga di Rykestraße cade il 9 Novembre 1938 nel mirino dei nazionalsocialisti. La posizione in una zona residenziale urbana assicurò che la sinagoga non fu completamente distrutta nella "Reichspogromnacht". La zona circostante non doveva essere messa in pericolo. Così i nazisti distrussero l'interno dell'edificio. Nell'aprile del 1940 i Nazionalsocialisti confiscarono l'edificio. Da allora la Wehrmacht utilizzò l'edificio come stalla e magazzino. Durante la seconda guerra mondiale la sinagoga sfuggì alla pioggia di bombe, che non lasciò danni permanenti al palazzo.

Riapertura

Dopo l'ampia ristrutturazione, l'edificio venne riconsacrato dal rabbino Martin Riesenburger nel 1953. Con la costruzione del Muro e della divisione della Germania e di Berlino, la sinagoga era il punto centrale della vita ebraica a Berlino Est. Vi frono tre anni di lavori di ristrutturazione, dal 2004 al 2007, guidati da Ruth Golan e Kay Zareh. Le misure adottate hanno avuto lo scopo di rendere la condizione originale della sinagoga del 1904 di nuovo visibile. Nel 2007 il progetto può essere completato - grazie ai finanziamenti di molti sponsor - e l'edificio di culto può essere riaperto con la raccolta dei rotoli della Torah.