Salta al contenuto principale
Lustgarten an der Museumsinsel in Berlin
Lustgarten an der Museumsinsel © visitBerlin, Foto: Pierre Adenis

Lustgarten (Giardino dei piaceri)

Qui sono nati i primi crauti del Principe Elettore e le prime patate

Nel 1573, il principe elettore Johann Georg (Giovanni Giorgio). vicino al castello fece costruire un orto e giardino di erbe aromatiche in una palude prosciugata. Nel Lustgarten, vennero piantati anche i primi "Tartufeln" (patate). Nel VII secolo, sotto il regno del "Grande Elettore", il giardino venne trasformato con arte in un vero e proprio giardino dei piaceri. Sotto Federico Guglielo I venne spianato il tappeto erboso. Sulla piazza venne versata della sabbia e venne utilizzata come piazza d'armi. Alla fine del XVIII secolo, Federico Guglielmo II coprì di nuovo la piazza di verde. Dopo l'edificazione del museo costruito da Karl Friedrich Schinkel, (oggi: Altes Museum, "Vecchio museo"), anche il Lustgarten venne sistemato da Schinkel e Peter Joseph Lennè in maniera architettonica, secondo i principi dell'arte del giardino e del paesaggio. Nel XX secolo, la piazza subì una trasformazione, diventando una piazza per raduni politici. I nazionalsocialisti la fecero livellare e lastricare per parate di massa e manifestazioni. Oggi il tappeto erboso, in estate, invita di nuovo gli amanti del sole a fare un bagno di sole. La maggiore attrazione nel giardino dei piaceri era ed è la Granitschale (vasca di granito). Veniva considerata come prodigio del mondo all'epoca Biedermeier ed era una delle principali attrazioni nella Berlino reale del XIX secolo. Pesa 70 tonnellate e venne portata a Berlino nel 1828 su una barca attraverso il fiume Sprea. In occasione dell'inaugurazione nel 1834, venne organizzata una colazione di festa. Circa 40 persone erano sedute nella vasca. A causa delle sue dimensioni, nel linguaggio popolare di Belino le venne dato il nomignolo affettuoso "Berliner Suppenschüssel" (Zuppiera di Berlino).