Salta al contenuto principale
ewerk
ewerk, Foto: Juliane Eirich

E-Werk

Le molte vite di un edificio industriale

L'Abspannwerk Buchhändlerhof è un esempio eccezionale di architettura industriale degli anni Venti. Tuttavia, il nome è probabilmente meglio conosciuto per l'uso temporaneo dell'edificio negli anni '90, quando ottenne il riconoscimento internazionale come E-Werk e divenne uno dei più famosi club techno in Europa.

Tuttavia, il nome è probabilmente meglio conosciuto per l'uso temporaneo dell'edificio negli anni '90, quando ottenne il riconoscimento internazionale come E-Werk e divenne uno dei più famosi club techno in Europa. Dal 2005 è stato storicamente restaurato e completato con componenti moderni, una rinascita come edificio per uffici e location per eventi. Oggi qui è nuovamente possibile festeggiare e lavorare. Il primo edificio della "Städtischen Electricitäts-Werke" fu costruito nel 1885 all'indirizzo di Mauerstraße 78-80 per fornire elettricità al quartiere limitrofo. La parte settentrionale del 1885 di questa stazione centrale è ancora in piedi ed è la più antica testimonianza architettonica del settore elettrico in Germania. La stazione di trasformazione di Buchhändlerhof fu costruita tra il 1926 e il 1928 in base ai piani dell'architetto Hans Heinrich Müller e restò in funzione fino al 1988. Müller dovette progettare la sottostazione in condizioni molto difficili, dato che lo sviluppo edilizio pre-esistente lo costrinse a trovare una soluzione che risparmiasse spazio. Le sottostazioni furono quindi accatastate in modo sovrapposto su nove piani e raggruppate in tre zone,  unite tra loro da un edificio stretto di collegamento. L'edificio è stato gravemente danneggiato nella Seconda Guerra Mondiale e l'unico elemento sopravvissuto è il quadrante centrale, che è diventato un marchio caratteristico della struttura.