Salta al contenuto principale
Hansaviertel - Händelallee 1/9
Gebäude im Hansaviertel Landesdenkmalamt Berlin, Foto: Wolfgang Bittner

Hansaviertel

La città del futuro

La città del futuroLa seconda guerra mondiale era già passata da più di un decennio, ma gran parte della città di Berlino era ancora in rovina. A Este e Ovest la ricostruzione è in corso, spesso con segni di propaganda, perché la città è già il confine dei sistemi e Berlino è il palcoscenico della lotta per la supremazia propagandistica.

Ciò si riflette nei numerosi "doppioni" che sono costruiti nella città. Se a Berlino Est c'è un'isola dei musei, a Berlino Ovest si costruiscono i musei di Dahlem e il Kulturforum. La Biblioteca di Stato in stile guglielmino di Unter den Linden ottiene una controparte sul lato di Berlino Ovest direttamente sul Muro a Potsdamer Platz.

La libertà contro la dittatura del proletariato

Nel gennaio del 1952, la prima fase della costruzione del magnifico edificio residenziale di Stalinallee è appena finita. A Berlino Ovest non c'è nulla di simile. La pianificazione della città di Berlino Ovest è in ritardo nella corsa dei due sistemi. Nel 1953, il Senato propone quindi  alla Camera dei Deputati la preparazione di una mostra internazionale dell'edilizia nel Tiergarten di Berlino. Nel "libero" Occidente sarà costruita come una controparte allo stile socialista di Berlino Est, la "città del domani". Su circa 175.000 metri quadrati nel Tiergarten nord-occidentale, fino alla sua distruzione durante la seconda Guerra Mondiale si trova l'antico Hansaviertel. Il quartiere borghese colpito dai bombardamenti della guerra è in rovina al 90 per cento.

I grandi dell'architettura salgono a bordo

Al posto del vecchio quartiere, architetti internazionali, come Walter Gropius, Oscar Niemeyer, Pierre Vago, Alvar Aalto, Luciano Baldessari e Max Taut, costruiscono nuovi edifici in base alle disposizioni degli edificio residenziali sociali. Dimensioni e prezzi degli appartamenti sono regolati rigidamente dalle esigenze dell'edilizia sociale. Al progetto sono stati invitati 19 architetti stranieri, 16 tedeschi occidentali e 18 berlinesi. Il risultato è una zona verde prevista nelle aree del Tiergarten.  Chiamato "Interbau 1957", il progetto è celebrato con entusiasmo come un'impressionante vetrina del pensiero architettonico moderno e della visione della vita. Gli appartamenti sorgono in parte come combinazioni di maisonette, cucine e sale da pranzo, dove pareti mobili consentono planimetrie individuali. Ci sono balconi enormi o coperti come parchi gioco per bambini, aree comuni o riscaldamento a pavimento.

L'Hansaviertel oggi

Come Central Park a New York e Hyde Park a Londra, il Tiergarten di Berlino,  un parco di 210 ettari nel centro della città, è il polmone verde della metropoli. L'adiacente Hansaviertel non ha perso neanche dopo decenni la sua modernità e qualità della vita. I suoi edifici e le strutture sul bordo nord-ovest del Tiergarten sono ormai considerati classici senza tempo. In occasione del 60° anniversario della sua costruzione è previsto un rinnovamento.

Luoghi speciali nell'Hansaviertel

Con una combinazione vincente di cervello e ingegno, il teatro GRIPS sviluppa pezzi teatrali realistici per bambini e ragazzi dagli anni '60, che affrontano il qui e ora.  Il fondatore di GRIPS, Volker Ludwig, descrive la missione del suo teatro come "mostrare la realtà, sviluppare prospettive e dare coraggio". E il successo gli dà ragione: le presentazioni immaginative di problematiche reali sono state emulate in produzioni in tutto il mondo più di 1.800 volte in circa 50 paesi e 40 lingue. Proprio come una visita ai nonni in salotto per tuffarsi nel passato, la confetteria G. Buchwald accoglie gli ospiti.  Non lontano dal gioiello architettonico dell'Hansaviertel, questa pasticceria esiste da più di 160 anni. Fondata nel 1852 a Cottbus, la "Baumkuchenfabrikation-Konditorei" e la caffetteria del fondatore Gustav Buchwald è la più antica ancora funzionante a Berlino oggi.  La specialità della casa: Baumkuchen. Con vista sui vaporetti sul fiume Sprea, questo è il posto perfetto per rilassarsi o riflettere. Oppure potresti andare all'Akademie der Künste per un po' d'arte o fare una rilassante passeggiata nel Tiergarten.

Gropius to Go -  la guida digitale Gropius tascabile

Con Gropius to Go esiste per la prima volta la guida digitale Gropius tascabile. Immagini, indirizzi, sintesi di esperti e visite preparate degli insediamenti sono disponibili per gli interessati con accesso agli edifici e agli oggetti di Walter Gropius a Berlino tramite app. Solo a Berlino ci sono più di una dozzina di opere edili e artistiche di Walter Gropius (1883-1969). Risalgono agli anni della Repubblica di Weimar e dopo la seconda guerra mondiale. Da nessuna parte l'architetto di fama mondiale ha lasciato una gamma così ampia del suo lavoro come nella sua città natale, Berlino. I suoi disegni sono stati influenzati da Espressionismo, Nuova Oggettività e Funzionalismo Post-bellico. Alcuni dei suoi edifici sono persino patrimonio mondiale dell'UNESCO. (Un'offerta di servizi dell'Ufficio Federale per i monumenti di Berlino) Download iOS Download Android