Salta al contenuto principale
Funkturm und Fernsehturm im Herbst
visitBerlin, Foto: Dagmar Schwelle

Giornali, televisione e radio

La città dei media

Nessun'altra città tedesca offre una tale varietà di giornali, televisioni e stazioni radiofoniche come Berlino. Turisti e berlinesi possono ricevere suggerimenti per varie manifestazioni e notizie attraverso molteplici canali. Anche i media internazionali, come la BBC o Radio France Internationale, trasmettono giornali radio dalla capitale all'estero. Non c'è da stupirsi: da sempre Berlino è stata considerata una città pionieristica di "nuovi media". Nel 1895 i fratelli Skladanowsky proiettarono il primo film cinematografico e nel 1923 vide la nascita della radio tedesca con la messa in onda del primo spettacolo di intrattenimento. Il segnale inequivocabile della metropoli dei media sono le torri televisive della città una volta divisa: la Fernsehturm am Alexanderplatz a Est e la sua Pendant neben dem Internationalen Congress Centrum (ICC) a Ovest, da cui nel 1935 fu trasmesso il primo programma televisivo regolare al mondo. A quel tempo, nella case delle famiglie di Berlino c'erano appena cinquanta televisori.

Riviste della città

I principali quotidiani sono il Berliner Zeitung, il Tagesspiegel e il Berliner Morgenpost. Altri giornali su abbonamento pubblicati a Berlino sono Die Welt altri giornali pubblicati in modo indipendente da grandi editori. Tra questi il Tageszeitung Inoltre, diversi settimanali politici e culturali sono pubblicati a Berlino, ad esempio il Freitag – Das Meinungsmedium. I tabloid B.Z. e Berliner Kurier sono venduti principalmente in edicola, così come il Bild. Il tabloid pubblicato dal 1952 da Axel-Springer-Verlag è il gionale con la più alta circolazione in Germania.

Riviste della città

Ogni due settimane in alternanza escono le guide guide ai programmi Tip e Zitty. Propongono un sacco di suggerimenti per uscire, se si è in vena di cinema, feste o spettacoli teatrali. Inoltre, escono regolarmente edizioni speciali su temi come gastronomia, escursioni, bambini, shopping e stile di vita. Informazioni su concerti, spettacoli teatrali, eventi sportivi, mostre e conferenze sono disponibili sul mensile Berlin Programm. È disponibile in edicola. In numerose caffetterie si trova la guida gratuita agli eventi Veranstaltungsführer 030. Il nome si riferisce al prefisso telefonico di Berlino. Fornisce informazioni su film, concerti, feste ed eventi sportivi. Una panoramica specifica sugli eventi nella scena lesbica, gay e bisessuale è fornita dal mensile Magazin Siegessäule. Berlino vanta anche una rivista inglese: l'Exberliner fornisce mese informazioni sulle questioni politiche, ma anche sulle manifestazioni a Berlino.

Programmi radio

I berlinesi possono scegliere tra circa 45 stazioni radio che trasmettono a Berlino e Brandeburgo. Le emittenti pubbliche offrono cultura e informazioni da Berlino, come ad esempio Radio Eins. Oltre ai numerosi canali musicali che coprono praticamente tutti i generi, ci sono anche stazioni specializzate in informazioni meteo e sul traffico. Ad esempio, Inforadio e Deutschlandfunk. I programmi di lingua straniera sono trasmessi ad esempio dalla stazione radio britannica BBC e da Radio France Internationale. Le frequenze di alcune stazioni radio (antenna / cavo): -Radio Eins 95,8 / 99,95 -Inforadio Berlin-Brandenburg 93,1 / 92,05 -Deutschlandfunk 97,7 -BBC 90,2 / 87,50 -Radio France Internationale 106,2 -NPR Berlin 104,1

Stazioni televisive

Oltre ai principali studi delle grandi reti televisive, Rundfunk Berlin-Brandenburg (RBB) trasmette da e su Berlino. I berlinesi si informano sugli eventi quotidiani della città tramite la trasmissione serale della RBB. Il canale regionale privato TV Berlin di Kreuzberg trasmette con lo slogan "la televisione dei berlinesi per i berlinesi" notizie, affari, sport, cultura e meteo. Inoltre, il profilo della stazione si caratterizza per talk-show e programmi di intrattenimento. L'Alex Offener Kanal Berlin è un canale delle autorità dei media di Berlino-Brandeburgo. La stazione cittadina è finanziata mediante i canoni radiofonici.