Salta al contenuto principale
Antoniusfigur an der Fassade der Katholischen Hochschule für Sozialwesen Berlin (KHSB)
Antoniusfigur, Katholische Hochschule für Sozialwesen Berlin KHSB KHSB, Foto: Ralf Heinrichs

Università Cattolica di Berlino - ex Ospedale di Sant'Antonio

La modernità nel verde

Fondata nel 1991, l'Università Cattolica di Berlino oper in una casa storica - l'ex Ospedale di Sant'Antonio.

La prima pietra dell'edificio fu posta nel 1928 dalla Congregazione delle Suore di Maria di Breslavia, che fecero costruire l'Ospedale di Sant'Antonio sui 50.000 metri quadrati di terreno. Dopo soli 18 mesi di costruzione, l'ospedale fu inaugurato nel 1930. Il professor Paul Lazarus, il primo direttore medico dell'ospedale, e l'allora curatore Dott. Pollak erano responsabili per l'avvio dell'ospedale più moderno di Berlino degli anni '30. In una zona naturale del quartiere di Karlshorst, per i circa 300 pazienti fu sviluppato un cosiddetto ospedale a cielo aperto. Sale ponte coperte (terrazze sul tetto), cure di movimento e terreno in loco, nonché lezioni di igiene per medici e pazienti impostarono nuovi standard nel panorama ospedaliero di un tempo.

Con l'occupazione dell'edificio da parte dell'amministrazione militare sovietica nel 1945, la direzione dell'ospedale dovette ricoverare e dimettere pazienti nel giro di poche ore o trasferirli in una struttura temporanea allestita nella zona sud-est di Berlino. Le dichiarazioni impressionanti dei testimoni dimostrano che l'edificio in quel momento era utilizzato anche come prigione. Nel seminterrato, i dissidenti politici erano spesso tenuti imprigionati e torturati per mesi e probabilmente morivano lì. Dal 1964 al 1990 l'edificio fu la sede del Ministero per Agricoltura, Silvicoltura ed Economia Alimentare della RDT. Nel 1990 la proprietà fu trasferita di nuovo alle Suore di Maria e nel 1991 l'Università Cattolica di Scienze Applicate di Berlino iniziò i corsi. L'università ora si trova in un parco verde e selvaggio. Un campus di benessere.

L'architetto F.A. Pollak è riuscito a dare una corrispondenza al "pensiero socio-igienico" con gli elementi di stile dell'architettura pionieristica Bauhaus di quel momento. Il nuovo impulso rappresentava il passaggio dalla medicina individuale alla medicina sociale. Il progetto architettonico mostra ancora oggi elementi Bauhaus che conferiscono lo status di monumento all'edificio. Quasi tutte le finestre a traliccio e le diverse piastrelle colorate dei singoli piani sono state conservate. Dai mattoni Bauhaus alla plastica scultorea di Antonio come pilastro simbolico presso l'ingresso principale, si trovano diversi dettagli architettonici particolari.