Salta al contenuto principale
Humboldt Forum
© © SHF

Humboldt Forum a Castello di Berlino

Un castello per Berlino, un forum per il mondo

Attualmente è in fase di costruzione un nuovo castello nel cuore della città, che non sarà residenza di re o imperatori, ma sede di un museo per tutto il mondo e le sue diverse culture.

Una folla inferocita con asce e zappe si riunisce, si sentono forti grida, poi distrugge la diga. La piazza del castello è allegata. I berlinesi si rivoltarono indignati nel 1448 contro la costruzione del castello, voluta del principe elettore Federico II, noto come "Dente di ferro". Infine la ribellione non riesce, e "Dente di ferro" costruì il suo castello. Ma lo spirito d'indignazione dei berlinesi è vivo fino ai nostri giorni.
Tutt'oggi, Berlino è la Città della Libertà, la città che promette ai suoi cittadini la libertà per tutti gli stili di vita e per questo è conosciuta in tutto il mondo. Nessun altro edificio è legato alla storia della città, come il Castello di Berlino.
Attualmente è in fase di costruzione un altro castello nel cuore della città, questa volta ispirato alla libertà, non come residenza di re e imperatori, bensì come museo dedicato a tutto il mondo e alla diversità delle sue culture: il Forum Humboldt. Un progetto di un intero secolo è attualmente in costruzione sulla Schlossplatz di Berlino-Mitte. Nel 2002, il Bundestag tedesco decise di ricostruire il palazzo berlinese con le dimensioni del castello degli Hohenzollern, con tre facciate storiche e il cortile. Nel 2013, venne posata la prima pietra del nuovo castello, che ospiterà l'Humboldt Forum.

La storia del Castello di Berlino

Il marchese principe elettore fece costruire nel 15° secolo una fortezza sull'Isola della Sprea ad Alt-Cölln– nonostante le proteste. Nel 16° secolo venne demolita e sostituita da un castello. Il castello è stato sede degli Hohenzollern, e la residenza di re prussiani e imperatori tedeschi. Fuori dal castello, scoppiò la rivolta del marzo 1848, il Kaiser Guglielmo II proprio qui preparò i berlinesi alla guerra, e Karl Liebknecht proclamò dal balcone del castello la "libera Repubblica socialista di Germania".

La demolizione del castello

Sebbene gravemente danneggiato dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, il Castello di Berlino che non è a rischio di crollo. Tuttavia, il Partito di Unità Socialista (SED) decide al suo terzo Congresso di Partito, per volere del segretario generale Walter Ulbricht, di far saltare il castello. Nonostante tutte le proteste, che si rifacevano al valore architettonico e storico della grande opera del barocco della Germania del Nord, la demolizione iniziò già il giorno dopo, il 7 Settembre 1950. Fu mantenuto solo il portale IV con il balcone da dove Karl Liebknecht parlò, e integrato alla facciata dell'edificio del Consiglio di Stato recentemente costruito.

Al posto del castello sorse il Palazzo della Repubblica sede della Camera del Popolo e un centro culturale con teatri, ristoranti e bowling. Dopo la caduta del muro e la Riunificazione, il Palazzo della Repubblica contaminato da amianto sarà demolito nel 2008.

Nuova costruzione del Castello di Berlino

La decisione di demolire il Palazzo della Repubblica per la ricostruzione del castello, ha inizialmente innescato accese discussioni. L'architetto Franco Stella si è aggiudicato l'appalto per la ricostruzione del castello con la restaurazione delle facciate barocche.

L'Humboldt Forum nel Castello di Berlino

L'Humboldt Forum è quello di trasferirsi nel castello. Mostre permanenti possono essere ammirate all'Humboldt-Forum: il Museo Etnologico e il Museo di Arte Asiatica (Staatliche Museen zu Berlin - Stiftung Preußischer Kulturbesitz), la Mostra di Berlino (Stadtmuseum Berlin und Kulturprojekte Berlin) e il Laboratorio Humboldt (Humboldt-Universität zu Berlin).  L'archivio fonografico del Museo Etnologico di Dahlem è esposto insieme al patrimonio del Lautarchiv dell'Università Humboldt.

La webcam mostra i lavori

Chi è interessato al progresso dei lavori di costruzione, li può seguire dalla webcam. Tre telecamere che puntano alle facciate est, ovest e sud dell'edificio sono aggiornate ogni 15 minuti. Un film in timelapse completa l'offerta.

Qui troverete ulteriori informazioni