Storia della musica berlinese

Storia della musica berlinese

Berlino città dell'opera

Berliner Musikgeschichte – © Monika_Rittershaus

Gli inizi musicali di Belino
Nell'anno 1570 venne documentata per la prima volta la presenza di un'orchestra berlinese: la "Kurfürstliche Hofkapelle", che è quindi riconosciuta come una delle più antiche orchestre del mondo. Ma ci volle del tempo prima che iniziasse realmente la storia di successo della musica berlinese. Nel 1742 Federico il Grande fondò la "Königliche Hofoper", per avere finalmente anche a Berlino un teatro dell'opera dello stesso livello della Semperoper di Dresda. Federico II, che suonava egli stesso il flauto e compose numerose sonate per flauto e cembalo, riunì l'orchestra di corte di un tempo con la nuova opera di corte. Così la nuova orchestra assunse le rispettabili dimensioni di 50 musicisti e venne ben presto ammirata e tenuta in considerazione in tutta Europa.

Tre teatri dell'opera per Berlino
Dalla "Königliche Hofoper" all'inizio del XX secolo si formò la "Staatsoper Unter den Linden", che a partire dal 2010 verrà ristrutturata per circa 200 miliardi di Euro. Fino alla fine delle ristrutturazioni l'ensemble suonerà nello Schillertheater di Berlino. A ciò si aggiunga la Deutsche Oper Berlin, che con quasi 2.000 posti è considerato il secondo teatro dell'opera più grande della Germania. Il teatro, costruito tra il 1911 e il 1912, si occupa oggi del "grande" repertorio del XIX secolo: da Richard Strauss a Richard Wagner e Giuseppe Verdi. Resta il terzo e più piccolo teatro dell'opera berlinese: la Komische Oper Berlin. Qui si mette in scena soprattutto un teatro musicale contemporaneo e vivace in lingua tedesca.

Orchestre e cori
Il fatto che Berlino si sia sempre molto divertita a far musica, si dimostra ancor oggi con un semplice numero: nella capitale ci sono 236 cori dilettanti con oltre 10.000 iscritti. E il fatto che i berlinesi siano tra i migliori al mondo con le loro esecuzioni musicali, lo dimostrano soprattutto due orchestre: la Berliner Staatskapelle con la direzione di Daniel Barenboim e i Berliner Philharmoniker, diretti da Sir Simon Rattle. Il nome dei Philharmoniker, fondati nel 1882, è inseparabilmente legato al direttore d'orchestra austriaco Herbert von Karajan (1908-1989), che diresse l'orchestra per 34 anni. Il "Mago del suono" Karajan, che spesso dirigeva a occhi chiusi, sviluppò il famoso suono pieno e morbido dei Berliner Philharmoniker, che divenne così il loro marchio. Sotto la sua direzione i sinfonici registrarono nel 1982 il primo Audio CD del mondo.